Back to Course Listings
  • Discipline(s): Italian Language & Culture
  • Available: Fall Semester 2022 Spring Semester 2022
  • Course Type: UniStraPG Italian
  • Taught in: Italian
  • Lab Fee: None
  • Credits: 16
  • Course Travel: Cultural Activities Series

ITAL 403+ Semester Full-Immersion Italian Language Program

Start Level 403D

Semester Curriculum
ITAL 403D Advanced Italian III – 4 credits
ITAL 407D Advanced Italian: Grammar, Syntax & Conversation I – 4 credits
ITAL 408D Advanced Italian: Grammar, Syntax & Conversation II – 4 credits
ITAL/SOC 485D Aspects of Italian Culture & Society – 4 credits
Total Credits: 16

At a Glance
Contact Hours at Università per Stranieri: 270
Contact Hours at the Umbra Institute: 15
Prerequisites: Four to five semesters of college level Italian or Placement test.
Università per Stranieri Faculty: TBD
Umbra Faculty Mentor: TBD
Course Type: Course taught all in Italian

Program Description
This is a 15-week long Advanced Italian course offered by the Umbra Institute in cooperation with the Università per Stranieri di Perugia (UniStraPG). Students with five semesters of college Italian language instruction might test into the third module of the B2 Advanced level (based on the Common European Framework for Languages – CEFR) and then proceed into the Upper Advanced C1 level after one month of coursework. They will receive 16 credits for their studies in Italian language, culture, and conversation over one semester of study. Weekly tutorial sessions at Umbra supplement traditional in-class language instruction conducted at the Università per Stranieri and assure students are prepared for Italian-style university examinations.

This first month of this course teaches vocabulary and culture with a special focus on the following components of Italian life: history, literature, current affairs, art, music, university studies, professional and life projects, current events, political institutions, social aspects, stereotypes, social relations, events of national and international resonance, typical Italian behaviors in social contexts, nutrition, health, social relationships in Italy, social issues in Italy (work, health, politics, etiquette, culturally marked behaviors), and the environment. A wide variety of authentic materials are used in teaching students the range of the Italian language, such as face to face interaction, interview, monologs, radio and TV broadcasts, films, fictional texts, biographical narrative, fairy tales and legends, audio guides, formal and informal emails, diary entries, interviews , newspaper articles (editorials, chronicles, reviews), essays, Internet forums and blogs, chats, manuals, historical texts, tourist guides, movie posters, iconographic material, and advertisements.

The C1 level of the course is dedicated to Advanced Grammar, Syntax and Conversation, usually not offered in standard Italian Language programs in the United States, but perfect for students preparing to become teachers of Italian or wanting to undertake graduate studies in the humanities. It is designed to take students from being competent speakers of the target language to explaining to them the nuances and subtleties of the language that make the difference between a very good user and a near-native speaker.

During the cultural topics course, which begins once students reach the C1 level, students will choose one of the following courses per month:
• Letteratura italiana (Italian literature)
• Storia dell’arte italiana (History of Italian Art)
• Storia dell’arte italiana – lezioni fuori sede (History of Italian Art – taught on site)
• Storia del teatro italiano (History of Italian Theater)
• Storia del cinema italiano (History of Italian Cinema)
• Storia della musica italiana (History of Italian Music)
• Arte della parola. Dizione e lettura espressiva (The Art of the Spoken Word: • Diction and Expressive Reading Laboratory)

Course Objectives
Moving into the C1 level, the course is designed to take students from being competent speakers of the target language to explaining to them the nuances and subtleties of the language that make the difference between a very good user and a near-native speaker. Students in this level will delve deeper into the intricacies of syntax, learn more grammatical exceptions, and be exposed to more idiomatic expressions. Students at this level will become able to use the language not only socially, but also professionally and academically with a certain degree of sophistication. They will also notice that they start to recognize not only implicit but also explicit meaning in longer and more demanding written and verbal texts.

Weekly Course Structure, month 1
Language Class (at UniStrPG): 12 hours
Skills Development Lab (at UniStrPG): 4 hours
Pronunciation & Spelling (at UniStrPG): 2 hours
Tutorial (at the Umbra Institute): 1 hour

Weekly Course Structure month 2 and beyond
Language Class (at UniStrPG): 9 hours
Skills Development Lab (at UniStrPG): 4 hours
Phonetics and Phonology (at UniStrPG): 1 hour
Creative Writing or Translation Lab 1 hour
Special Topics Cultural Course (at UniStrPG): 3 hours
Tutorial (at the Umbra Institute): 1 hour

Assessment
Examinations at each level at the Università per Stranieri 85%
Attendance, Assessments, and Participation at Umbra Tutorials 15%

Main Grammatical Structures Covered in this Level

nomi

  • plurale dei nomi in co e go, ca e ga 
  • plurale dei nomi in cia e gia 
  • nomi invariabili
  • nomi maschili in a 
  • nomi femminili in o
  • nomi con doppio plurale
  • nomi composti
  • uso degli articoli con i nomi geografici
  • nomi con lo stesso plurale ma diverso significato e accento
  • nominalizzazione delle varie parti del discorso
  • alternanza di genere e alternanza di significato
  • cambiamento di genere nella formazione di alterati
  • parole che richiamano

articoli

  • uso degli articoli con i nomi propri di persona
  • articoli che individuano il significato dei nomi

aggettivi

  • aggettivi qualificativi che cambiano di significato a
  • seconda della posizione, prima o dopo il nome
  • forme dell’aggettivo bello
  • gli aggettivi indefiniti qualunque, qualsiasi seguiti da frasi all’indicativo o al congiuntivo 
  • omissione dell’articolo davanti al possessivo in espressioni fisse 
  • aggettivi qualificativi
  • aggettivi composti con primo elemento modificato
  • sequenza nome – aggettivo qualificativo – aggettivo geografico
  • aggettivi indefiniti:
    • alcuno in frasi negative
    • qualunque, qualsiasi in posizione prenominale
    • qualunque e qualsiasi in posizione postnominale
    • parecchio, diverso, vario
    • tale (così grande)
    • qualunque, qualsiasi seguiti da frasi all’indicativo
    • qualunque, qualsiasi seguiti da frasi al congiuntivo

pronomi

  • posizione del pronome personale soggetto
  • espressione obbligatoria del pronome personale
  • espressione obbligatoria del pronome personale soggetto (nelle subordinate al gerundio e al soggetto (nelle subordinate al gerundio e al participio con soggetto diverso dalla principale) participio con soggetto diverso dalla principale)
  • espressione obbligatoria del pronome personale
  • espressione obbligatoria del pronome personale soggetto 
  • soggetto con forme verbali ambigue con forme verbali ambigue
  • posizione enclitica del pronome personale atono
  • posizione enclitica del pronome personale atono nelle subordinate al gerundio nelle subordinate al gerundio
  • posizione enclitica del pronome personale atono
  • nelle subordinate al participio
  • ricapitolazione sui diversi valori di si (riflessivo, reciproco, per esprimere ordine o consiglio, impersonale, in combinazione con ci con verbi pronominali, passivante
  • ricapitolazione sui diversi valori di ci (con i verbi pronominali, riflessivo, reciproco, presentativo, pronome personale atono in sostituzione di un sintagma preposizionale, con alcuni verbi molto frequenti, in sostituzione di una frase)
  • il dimostrativo ciò per il neutro: ciò (questo, questa cosa) 
  • precisazione sull’uso dei pronomi personali di terza persona singolari e plurali
  • espressioni verbali che possono o devono essere usate con pronomi atoni (volerne, combinarne, farcela, sentirsela
  • forme e usi del pronome relativo neutro il che (la qual cosa), per cui (per questo fatto)
  • pronomi indefiniti: chiunque, tale, parecchi, diversi

verbi

  • imperativo + altrimenti + frase
  • non c’è motivo di + verbo infinito
  • non vale la pena + verbo infinito
  • se + indicativo presente + condizionale/ imperativo
  • periodo ipotetico
  • periodo ipotetico misto (congiuntivo trapassato + condizionale presente)
  • discorso diretto e indiretto
  • nome/pronome ha detto/disse/diceva che + condizionale composto
  • valori del gerundio semplice e composto (introduzione)
  • infinito presente e passato (competenza passiva)
  • participio (competenza passiva)
  • ripasso e riflessione sui verbi transitivi, intransitivi, copulativi in relazione alla scelta dell’ausiliare corretto
  • verbi che ammettono entrambi gli ausiliari 
  • ripresa e approfondimento dei tempi del passato con particolare riferimento all’uso dell’imperfetto e dei suoi valori modali, e del passato remoto ponendo attenzione alle forme irregolari ad alta frequenza
  • ripresa del futuro e dei suoi valori modali
  • approfondimento sugli usi del congiuntivo
  • congiuntivo retto da nomi che esprimono un’opinione personale
  • congiuntivo retto da nomi e aggettivi che esprimono un sentimento personale
  • frasi subordinate al congiuntivo senza che 
  • frasi subordinate al congiuntivo che precedono la principale
  • ripresa dell’imperativo, in tutte le forme, compreso l’imperativo impersonale
  • il passivo con i verbi essere e venire
  • ripresa della costruzione andare + participio passato
  • il si impersonale con i verbi pronominali
  • ripresa e approfondimento della selezione dei tempi del congiuntivo nelle proposizioni subordinate indicanti:
    • scopo
    • condizione
    • contrasto
    • modo
    • limite
    • tempo
  • congiuntivo retto da sostantivi indicanti
    • – opinione
    • – sentimento
  • ripresa e approfondimento dell’uso del condizionale semplice e composto 
  • uso del gerundio nelle proposizioni subordinate implicite
  • l’infinito in funzione nominale
  • infiniti nominalizzati
  • l’infinito presente con valore nominale
    • – con le preposizioni
    • – dipendente da verbi fattivi fare e lasciare
    • – in subordinate implicite
  • infinito passato in subordinate implicite

preposizioni

  • ampliamento e sistematizzazione delle principali funzioni semantiche delle preposizioni semplici
  • ricapitolazione sulle tre classi di preposizioni
  • polisillabiche:
    • che richiedono obbligatoriamente altre preposizioni monosillabiche
    • che ammettono facoltativamente la preposizione a
    • che non richiedono altre preposizioni
    • funzioni di alcune preposizioni
  • la proposizione relativa implicita retta da da

avverbi

  • ricapitolazione sugli avverbi per rispondere si 
  • uso avverbiale di aggettivi qualificativi 
  • espressioni idiomatiche frequenti con valore avverbiale
  • ricapitolazione sulla posizione degli avverbi focalizzanti e significato della frase
  • ricapitolazione della posizione degli avverbi focalizzanti
  • avverbi composti
  • avverbi con suffisso -menti
  • avverbi di tempo

congiunzioni

  • la formula e/o nel linguaggio scritto per collegare elementi che possono sommarsi o escludersi
  • funzione di o nelle frasi alternative
  • congiunzioni con l’indicativo
  • congiunzioni con il congiuntivo
  • causale negativa possibile in contrasto con una causa reale

frase semplice e complessa

  • la frase semplice (enunciativa, interrogativa, esclamativa, volitiva)
  • frasi coordinate
    • disgiuntive
    • avversative
    • dichiarative
    • correlative
    • copulative
  • ordine marcato della frase:
    • frasi dislocate a sinistra
    • frasi dislocate a destra
  • la frase complessa
  • subordinate interrogative indirette implicite (con introduttori)
  • catene anaforiche 
  • forme pronominali di ripresa anaforica
  • ordini marcate della frase
  • primo approccio alla frase scissa
  • strutture coordinative correlative con non solo… ma anche
  • ricapitolazione delle frasi oggettive all’indicativo e al congiuntivo
  • verbi di opinione (e anche sperare, temere, dubitare) senza il che
  • forme